loader image
Logo
Home2022-11-29T18:01:19+01:00

Ciao, mi chiamo Antonio Roma e sono un autore, attore e regista di Teatro Civile; blogger e podcaster.

Sono convinto che Bellezza e Utopia coincidano e che valga davvero la pena inseguirle, che Sarajevo mi abbia stravolto la vita e che in questo momento storico abbiamo bisogno di un lessico inedito, che affondi le radici nel Legame tra le parole Testimonianza e Umanità, le sole capaci di portare Autenticità.
Abito le giornate condividendo con bambini e adolescenti la portata rivoluzionaria delle parole; ma prim’ancora, facendo del Teatro Civile, del podcast e della scrittura, Humus…

Inseguo Utopie…

Altro su di me

Teatro civile

Facciamo un solo teatro, che ha le fondamenta nella Parola e nella voce che le dà un corpo, gli strumenti più Tenaci nelle mani di un attore.

Oggi è un bel giorno la scelta di metterci la faccia..
Markale, Fisionomie e Nedo i nostri monologhi.
#standupNOTcomedy l’Utopia.

Markale

Markale

Logline

Sarajevo, 5 febbraio 1994, il mercato di Markale si agita dell’atroce concitato rumore di pianti ed urla. C’erano scarpe, è di scarpe che si spandano le carneficine. L’assedio di Sarajevo è durato 1.479 giorni, oltre 50.000 civili sono rimasti feriti, 11.541 abitanti sono stati uccisi, di cui 1.601 bambini. Markale è il racconto, figlio delle Testimonianze accolte con Empatia e Rispetto di chi, ferito nel midollo e nel ventre, è sopravvissuto alla strage del mercato e all’assedio più drammatico e lungo della storia contemporanea.

Maggiori informazioni

Fisionomie

Fisionomie

Logline

Fisionomie, trasposizione in monologo di Teatro Civile dell’opera poetica Tra le corde di un’altalena, è il racconto di Legami che affondano le Radici nel Mediterraneo, come i sogni e le speranze dei migranti. Fisionomie di volti e luoghi di una terra amara: il Sud della Magna Grecia, dimenticato dalla contemporaneità, eppure Humus di Utopie, da sempre sementi di un’Italia e di un’Europa, stanche e stancate, nomadi.

Maggiori informazioni

Nedo

Nedo

Logline

Il monologo di Teatro Civile Nedo è figlio di una presa di coscienza: i Testimoni delle Deportazioni e della Shoah ancora in vita sono pochi e ormai è giunto il momento per noi di farci carico della Memoria. Nedo è il racconto degli Ebrei e degli Antifascisti costretti a vivere l’incubo della persecuzione e della deportazione nei carri bestiame, imprigionati nei campi di concentramento e di sterminio, uccisi nelle camere a gas e bruciati nei forni crematori. Ma è anche il racconto dei Giusti che molte vite hanno salvato e di chi è sopravvissuto alla fame, alla morte dei propri cari, all’orrore dei campi e nonostante la sofferenza e la disperazione provate fino al giorno della Liberazione ha trovato la forza di Testimoniare perché una società senza Memoria è una società smarrita.

Maggiori informazioni
Visualizza il calendario delle repliche

Cosa c’è di nuovo

Leggi gli ultimi articoli

Cosa c’è di nuovo

Leggi gli ultimi articoli

Iscriviti ora alla nostra newsletter

Iscriviti per ricevere inviti ad incontri live esclusivi e/o informazioni in anteprima sui prossimi tour.
In uscita il 1° e 15 di ogni mese

Portfolio by Alice Ponti

Questa sezione accoglie gli scatti della fotografa e creator Alice Ponti sulle nostre produzioni di Teatro Civile e sul Mediterraneo. Essendo coautrice della newsletter, di alcuni monologhi e dei podcast che usciranno nei prossimi mesi, Alice gioca un ruolo imprescindibile nel lavoro che, ormai da anni, faccio con Filippo Borgia per portare consapevolezza nella vita delle persone. Ecco perché abbiamo pensato di dedicarle una pagina in cui può raccontarsi con i suoi scatti.

Portfolio
Torna in cima